NUTRIZIONE FUNZIONALE : un nuovo modo di vedere la Nutrizione

Se la dietologia classica ha sempre considerato la Nutrizione come uno strumento matematico, come una costante il cui valore potesse essere modulato facilmente dal professionista, la rivoluzione molecolare che ha investito negli ultimi anni il mondo scientifico ha profondamente mutato questo scenario. Si è così gradualmente passati dalle calorie ai nutrienti, dalle percentuali alle ripercussioni di un singolo nutriente sulla funzionalità di cellule e tessuti.

Questi sono i presupposti che utilizziamo quotidianamente nelle nostre viste nutrizionali.

In cosa consiste la NOSTRA visita nutrizionale
1. Valutazione anamnestica : raccoglieremo con accuratezza tutte le informazioni cliniche utili all'elaborazione del miglior piano alimentare possibile
2. Questionario MUSS ed altri: necessari ad inquadrare nutrizionalmente il caso
3. Valutazione dietetica, effettuata attraverso metodiche diverse quali questionari, diari alimentari o recall 24h
4. Valutazione antropometrica: bilancia, peso, altezza, circonferenze, spessori e diametri
5. Valutazione plicometrica: rilevazione di pliche adipose sottocutanee mediante plicometro meccanimo o ad ultrasuoni
6. Valutazione bioimpedenziometrica/vettoriale mediante BIA-ACC e BIA 101 Akern ASE : indagine di studio della composizione corporea
*controindicata nei soggetti portatori di pace-maker
7. Valutazione adipometrica-ecografica: utile a visualizzare le aree muscolari e le superfici adipose
Nessuno di questi esami è invasivo!

Preparazione al test BIA/BIVA

  • Evitare l’esame in presenza di febbre, ipertemia o ustioni delle regioni a contatto con elettrodi (mani e piedi)
  • Osservare almeno 4 ore di digiuno
  • Evitare di allenarsi nelle 12 ore precedenti l’esame
  • Urinare entro 30 minuti dal test
  • Non bere alcolici nelle 48 ore prima del test
  • Evitare il consumo eccessivo di caffeina, teina nelle 12 ore che precedono il test
  • Rimuovere bracciali, orologi e monili che potrebbero interferire con il posizionamento degli elettrodi.
L’esame è applicabile in gravidanza e durante l’allattamento senza alcuna controindicazione


    Quali esami portare

    • Emocromo + formula
    • Creatininemia, acido urico
    • AST, ALT, GGT, bilirubina totale e frazionata
    • Glucosio, emoglobina glicata, insulina basale
    • Ferro, ferritina
    • FT3, FT4, TSH
    • Sodio, potassio, calcio, magnesio, fosforo (ematici)
    • Elettroforesi sieroproteica, proteine totali
    • Colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi
    • Omocisteina
    • Vitamina D
    •  Esame urine completo


    Le basi dietetiche che adopereremo


    La dietetica sportiva

    Capitolo a parte è riservato alla dietetica sportiva, che oltre ad avvalersi dei suddetti esami e delle diverse strategie nutrizionali, tra le quali la supplementazione funzionale e quella ergogenica, non potrà prescindere da un attenta valutazione delle capacità performanti, da test funzionali e dalla continua collaborazione con l'allenatore ed il preparatore atletico.