Esame Bioimpedenziometrico (BIA -ACC)

Lo strumento

Questa analisi viene effettuata con uno strumento elettromedicale in Classe I (ossia non invasivo e del tutto sicuro per il paziente e per l’operatore che lo utilizza).

Si tratta di uno bioimepdenziometro multifrequenza, in grado di erogare corrente a frequenze di 50 khz e 1,5 khz pertanto ideale per studiare sia l’ambiente extracellulare che intracellulare.

In cosa consiste l’analisi

Dopo aver raccolto una serie di dati anamnestici e dopo aver registrato opportunamente peso e altezza si effettua la valutazione bioimpedenziometrica stendendosi in posizione supina su di un lettino e registrando i dati elettrici trasmessi attraverso l’ausilio di elettrodi posizionati sulla caviglia e sul polso.

Tale analisi è del tutto :

  • SICURA
  • INDOLORE
  • RAPIDA.

  • Gli elettrodi utilizzati sono monouso, e la loro applicazione è preceduta dalla detersione e disinfettazione del sito di adesione

Cosa ci permette di studiare questo esame

Le informazioni estrapolabili da questo tipo di esame sono molteplici e fortemente indicative dello stato di salute del paziente oltre che delle sue condizioni fisiche e nutrizionali.

I dati estrapolabili forniscono indicazioni relative al :

Tessuto adiposo

  • % massa grassa – Kg massa grassa
  • SAT : tessuto adiposo superficiale, pertanto facilmente rimaneggiabile
  • DAT : tessuto adiposo profondo, più difficile da trattare
  • VAT : Tessuto adiposo viscerale, responsabile dei processi infiammatori
  • AAT : tessuto adiposo addominale, localizzato nella regione addominale
  • Le : lipidi essenziali, importanti per la sopravvivenza dell’organismo.

Sistemi tampone

  • Valutazione di minerali coinvolti nella regolazione dell’acidosi
  • Osso
  • Valutazione dello stato funzionale del tessuto osseo
Acqua

  • Acqua totale : quantità di acqua presente nell’organismo
  • Acqua intracellulare: indicativa dello stato di nutrizione del soggetto
  • Acqua extracellulare : indice di un potenziale stato infiammatorio.

Massa magra

  • % massa magra – Kg massa magra
  • Organi viscerali : peso dei visceri in cavità addominale
  • Massa extracellulare : quantità di matrice extracellulare
  • Massa cellulare : indice dello stato di nutrizione del paziente
  • Massa cellulare attiva : componente che determina il metabolismo basale del soggetto
  • Massa muscolare
  • % massa muscolare – peso massa muscolare
  • ALST : massa muscolare su arti
  • Muscolo scheletrico : muscolo impegnato nei movimenti
  • Glicogeno : polimero energetico importante per la funzione muscolare
  • Proteine totali, collagene e cataboliti : indicativi dello stato di nutrizione del soggetto

Riassumendo

Tale analisi ci consente di valutare

  •  La composizione corporea dettagliata del paziente
  •  Lo stato nutrizionale
  •  Il tessuto muscolare nelle sue principali componenti
  •  Il grado di infiammazione
  •  Il grado di ritenzione idrica
  •  Eventuali Sarcopenie, edemi ed anasarche
  •  Le capacità tamponanti del paziente

Controindicazioni e precauzioni

Questo esame, seppur del tutto sicuro, è controindicato nei pazienti portatori di pace-maker e nelle donne in gravidanza.
Per ottimizzare i risultati dell’esame e la relativa interpretazione sarebbe opportuno :

  •  Evitare di allenarsi nelle 4-6 ore precedenti l’esame
  •  Evitare l’assunzione di farmaci antinfiammatori
  •  Evitare di effettuare pasti abbondanti

Plicometria e analisi funzionale a confronto

Come si vede il corpo con la valutazione antropometrica
Costituito esclusivamente da massa magra e massa grassa

Come si vede il corpo in analisi funzionale

Elevatissimo grado di complessità strutturale, anatomico e funzionale che consente di correlare la composizione corporea a caratteristiche metaboliche e ad eventuali condizioni morbose